Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Arteterapia e Gruppoanalisi
Questo elaborato nasce da una mia esperienza fatta durante lo stage di specializzazione in
psicoterapia gruppoanalitica, in una struttura residenziale riabilitativa per pazienti psichiatrici. Per
me è stata la prima esperienza nel campo dell’arteterapia, disciplina di cui avevo sentivo parlare ma
della quale non conoscevo nulla confondendola, spesso erroneamente, con le attività artistiche.
Due cose completamente diverse!!!!
Ho avuto la fortuna di collaborare con un arteterapeuta, anche lei in formazione, della scuola di Arti
Terapia dell’ università di Tor Vergata a Roma con la quale non solo ho conosciuto questo nuovo
campo riabilitativo ma ho potuto fare delle osservazioni interessanti che mi hanno offerto la
possibilità di studiare l’arteterapia e metterla in collegamento con la gruppoanalisi.
Il gruppo era formato da 7 pazienti, di cui 4 (l ragazzo e 3 donne) residenti nella struttura e 3 (2
ragazze e I ragazzo) che frequentavano la struttura con un progetto diurno. Il range di età era
compreso tra i 33 e i 50 anni. Gli incontri erano a cadenza settimanale e la durata era di un’ora e
mezza circa. Il gruppo, come ricordato precedentemente, era co-condotto dall’arteterapeuta e da me.
Partendo dal presupposto che le Artiterapie, in genere, sono terapie del fare, dell'agire; terapie che
aiutano a riequilibrare l'unita corpo-mente-emozione e sono procedimenti che smobilitano le
potenzialità celate, le risorse inesplorate e le parti sane, i pazienti prescelti, quasi tutti psicotici,
presentavano un’adeguata capacità percettiva, problematiche fobico-ossessive, tratti ipocondriaci e
alexitimici, difficoltà a stabilire e mantenere relazioni stabili, bassa autostima e tratti depressivi.
Nello specifico le diagnosi erano: i ragazzi presentavano psicosi paranoide e psicosi dissociativa,
due ragazze con disturbo borderline di personalità di cui una bidipendente, una paziente con psicosi
paranoide, un’altra con disturbo di personalità con aspetti narcisistici e componenti isteriche ed
infine una paziente con disturbo di personalità depressivo e del comportamento alimentare. Il mio
ruolo all' interno de1l' attività di arteterapia era di facilitatrice della comunicazione e di analisi delle
dinamiche individuali e relazionali.
Di seguito ho cercato di esplicitare le fasi che prevede l’attività di arteterapia calandole nei nostri
laboratori.
Come si svolgeva l’attività di Arteterapia
Ci incontravamo ogni giovedì in un locale esterno alla struttura verso le 10.00 e restavamo insieme
fino alle 11.30 circa.
L'attività di Arteterapia prevede alcune fasi.
Fase di preparazione: al centro della stanza predisponevamo un grande telone di plastica
sopra al quale adagiavamo un foglio di cartoncino della misura di 1,5 mt per 3 mt. Questo era il
momento in cui partecipavamo tutti, poi l’arteterapeuta preparava i flaconi di colore a tempera e li
disponeva da un lato del foglio. La scelta dei colori non segue un criterio particolare ma si cerca di
dare la possibilità ai partecipanti di usare qualsiasi colore desiderino. Allestito il campo, ci
sedavamo in cerchio e iniziavamo il laboratorio; la disposizione circolare favorisce la
partecipazione e la vicinanza del pubblico a ciò che viene rappresentato. Soprattutto nel primo
incontro, l’ateterapeuta, ribadiva che lo spazio che occupavamo era uno spazio democratico in cui
ciascuno era libero di esprimersi in quanto era garantita l’astensione di giudizio.
Agli incontri successivi, per rimarcare l‘ importanza della continuità dell'esperienza, ai pazienti
veniva chiesto cosa ricordavano del laboratorio precedente; se, durante la settimana, avevano
ripensato all'attività svolta e se qualcosa della procedura proposta era rimasta loro impressa.
Fase di presentazione. Questa era la seconda parte del laboratorio in cui ogni membro del
gruppo diceva ad alta voce il suo nome, aggiungendo un gesto e tutto il gruppo ripeteva il nome e il
gesto di chi si era presentato. Tale esperienza era molto importante per questi pazienti perché
permetteva loro di sperimentane una nuova modalità relazionale e di contatto fisico- emotivo con
gli altri. Questo è uno spazio in cui ugni membro si sente una persona unica e particolare in un
mondo di persone uniche e particolari; si sviluppa un vissuto positivo in quanto ognuno si sente
riconosciuto dal gruppo come individuo con pari opportunità e capacità.
La fase successiva è quella fusionale, da questo momento in poi i membri operano come
gruppo, escono dalla “serialità" e stabiliscono rapporti di reciprocità. Venivano usate le tempere e il
grande foglio bianco fino a questo momento rimasto al centro della stanza quasi a voler mantenere,
in modo silente, l‘attenzione rivolta allo spazio bianco motivazionale, percettivo, emotivo di
ciascuna persona. Spazio nel quale proiettare i propri contenuti e le proprie esperienze attraverso il
gioco ossia la libera espressione dei corpi che coincide con la libera espressione di quello che
ciascuno di noi realmente è. In questa fase si chiedeva ai ragazzi di scegliere un flacone di colone
che doveva poi essere usato per colorare il grande foglio attraverso un segno al quale veniva unito
un gesto e un suono. Ciò da la possibilità di sfogare quello che ognuno ha dentro nel modo più
naturale possibile: con il corpo. Il risultato è la trasformazione del grande foglio: da bianco e
apparentemente privo di stimoli a una sorta di tavolozza piena di colori e di parti del singolo
individuo.
In questo momento avviene il riconoscimento del gruppo, palesato in qualcosa di concreto sotto gli
occhi di tutti; è una produzione collettiva all'interno della quale ognuno è consapevole di trovare
una parte di Sè e una parte del gruppo.
E' uno spazio protomentale nel quale circolano elementi molto personali di ciascuna delle persone
che ha intorno.
Nella fase identificativa si richiedeva di osservare il grande foglio e di trovare un animale.
In questo momento l’esperienza si fa concreta tramite il lavoro del singolo che é parte del gruppo;
ciò sottolinea il sentimento di individuazione. Dopo l’individuazione dell'animale, veniva
distribuito ad ognuno un foglio sul quale dovevano riprodurre il loro animale, attingendo il colore
dal grande foglio o usando altri colori messi a disposizione. Successivamente veniva chiesto ad
ognuno di descrivere il suo animale mostrandolo ai compagni. Finito il giro di focalizzazione su
alcuni aspetti della proiezione, nel primo incontro era stato chiesto ad ogni membro di
drammatizzare il proprio animale, riprodotto graficamente, facendosi aiutare da un compagno.
In un incontro successivo si è chiesto di dare un’ambientazione a1l‘oggetto che era stato individuato
dal grande foglio e poi riprodotto da ognuno di loro.
Un’altra volta la consegna era di drammatizzare un colloquio tra i due animali individuati, separati
da un telo.
In un altro laboratorio, nel rappresentare la durezza e la fragilità, il foglio di ogni partecipante è
stato dato al compagno di sinistra, che doveva sottolineare con materiali e colori il senso di fragilità
e di durezza espresso dal compagno.
La fase conclusiva è caratterizzata dalla ricomposizione verbale, in cui si ristabilisce
1'iniziale posizione del gruppo nella forma circolare. In questa fase, l’arteterapeuta; chiedeva ai
ragazzi quali erano i loro stati d'animo, per dare la possibilità di esprimere verbalmente le emozioni
e i sentimenti. Alla fine del laboratorio davo una restituzione sulla base delle mie osservazioni ma,
soprattutto delle mie sensazioni provate durante le varie fasi del laboratorio.
L'Arteterapia da una prospettiva gruppoanalitica
Uno degli aspetti importanti di questa mia esperienza è stato studiare come l’attività di arte terapia
potesse inserirsi in un quadro gruppo analitico.
Per comprendere come l’arteterapia possa essere letta dal punto di vista gruppoanalitico, credo sia
necessario spendere due parole su alcuni costrutti fondamentali della teoria di Foulkes: la rete e la
matrice. Questo autore riteneva che la nozione di rete e di matrice siano sinonimi della mente
umana, trascendono l'intrapsichico, l'interpersonale per poi raggiungere il transpersonale.
2
La rete e il sistema totale di persone che si mantengono unite e si appartengono in una comune e
reciproca interazione; gli individui che la compongono sono in punti nodali della rete.
Biograficamente, la rete comincia con la famiglia primaria, successivamente si estende in sistemi
più ampi, fino alla famiglia attuale, al gruppo naturale o di lavoro; a tutto ciò che costituisce il
"locus" della vita personale di un individuo per giungere alla struttura sociale di un dato momento.
In contrasto col vedere la malattia in funzione dell‘individuo, bisogna considerare che qualsiasi
disturbo coinvolge l'interazione sociale.
Foulkes affermava: "Il paziente stesso rappresenta un mero sintomo di un problema multipersonale;
la rete di circostanze e persone costituisce il vivo campo operativo per una terapia effettiva e
radicale".
Nel gruppo convergono l'intrapsichico, l’interpersonale e il transpersonale: "La società è dentro
all'individuo, così come è fuori di lui. La linea divisoria tra ciò che è dentro o fuori è costantemente
in movimento e l'esperienza di questi mutamenti è di particolare significato" (Foulkes, 1975).
Foulkes definisce la matrice come: "Lo sfondo comune condiviso che determina, in ultima analisi, il
significato e l'importanza di tutti gli eventi". L'autore evidenzia la bipolarità della matrice in termini
di comunicazione e di appartenenza: la matrice fondamentale, primordiale e la matrice dinamica
creativa che non caratterizzano due tipi diversi della stessa. Partendo dalla considerazione che la
relazione è un bisogno primario, intimamente collegato con i processi di identità e identificazione
che si evolvono tra individuo e gruppo, la matrice è intimamente collegata con essi: tra essi nasce e
in essi si manifesta ed evolve. La relazione, nella sua fondamentale conflittualità, tende a
polarizzarsi su due opposti: da un lato un'appartenenza, una fusionalità sincretica ovvero la
tendenza al ritorno dell' indifferenziazione; dall’altro la relazione proiettata verso l'Atro in un polo
"sociale", creativo, di nuova comunicazione. La matrice contiene e genera una costante e circolare
dinamica trasformativa, regolata e autoregolata, nata dalle vicissitudini conflittuali tra individuo e
gruppalità. La matrice rappresenta il reticolato attraverso il quale i processi di comunicazione hanno
luogo, dove possono essere definiti rispetto alla loro intensità, alla loro estensione nello spazio e nel
tempo e a loro significato. Nel campo gruppoanalitico, in cui qualsiasi evento ha il potenziale valore
di comunicazione, interagiscono pulsioni, bisogni, richieste espresse verbalmente ma anche con la
mimica o con manifestazioni somatiche. Queste manifestazioni si esprimono “hic et nunc" nelle
"zone di incontro o limite" ove si rinnova il dialettico confronto tra individuo e gruppo.
Considerare la rete del paziente, le possibilità di promozione di una più adeguata matrice di
appartenenza, comunicazione e significato, può dare maggiore efficacia anche ad un gruppo
terapeutico di attività. Il gruppo, grazie ai suoi fattori terapeutici, é il “laboratorio” del processo
della relazione e come tale è indicato come strumento terapeutico in quei pazienti in cui il disturbo
della relazione e il sintomo nucleare.
In ogni caso in cui la malattia condiziona o rinforza nei pazienti una situazione di isolamento e non
comunicazione, insorge l’indicazione di una forma di terapia gruppale. Il circolo gruppale si
presenta come una struttura omogenea, sintonica, che contiene e sostiene i membri malati proprio in
funzione della malattia che fuori dal gruppo li segrega ma, al tempo stesso, il gruppo è una struttura
potenzialmente asimmetrica, distonica ed eterogenea in quanto ognuno è intrappolato in una rete
che lo penetra e lo condiziona sia filogeneticamente che autogeneticamente.
Questa rete di gruppalità, soprattutto nello psicotico, è intrapsichica come gruppalità interna ma, si
ripropone nel gruppo in cui il paziente vive nella realtà. Nella struttura gruppale si trovano, in un
dialettico e potenziale confronto, 1'individuo con le sue istanze e conflitti reticolari più o meno
inconsci (nello psicotico quasi totalmente inconsci) e un gruppo, un multiplo che sollecita in
ognuno un processo. Questo processo permette l’insorgenza di una matrice o spazio di relazione
che, nello psicotico, è assente poiché obliterato, fuso, è il risultato della, mancata progressione del
processo di separazione e di distacco della matrice primordiale. "La nuova matrice di relazione
trova espressione nelle nuove modalità di articolazione comunicativa, nella scoperta dell’altro,
ovvero di una relazione originale e nuova".
( Da "Progressi in Psichiatria". Ondarza, Carfagna, Napoli, Polimanti).
3
I tre livelli di terapeuticità del gruppo
Foulkes affermava che il gruppo può essere usato a tre livelli di terapeuticità
1. Gruppi di attività: il gruppo è strutturato per una attività o compito definito, usato come
strumento terapeutico; appartengono a questo livello tutte le forme occupazionale, gruppi
sportivi, di danza…
2. Gruppi terapeutici propriamente detti: nel gruppo, l’attività è poco strutturata; a questo
1ivello si inscrivono diversi tipi di terapia gruppale designati secondo l’attività privilegiata:
musica, danza, teatro, pittura e diverse tecniche corporee.
3. Gruppi psicoterapeutici: in cui non vi è nessuna attività strutturata, il compito esclusivo è
la psicoterapia e il presupposto terapeutico è il cambiare nel gruppo.
L'arteterapia come gruppo di attività
Credo che il laboratorio di Arteterapia sia un buon esempio di gruppo di attività in cui la
rappresentazione grafica e la drammatizzazione, si configurano come attività strutturate e usate
come strumenti terapeutici; le implicazioni psicodinamiche sono l’organizzazione intorno al
compito e ad un leader.
"Si agisce impersonalmente il transpersonale" (De Maré, 1973).
Il presupposto terapeutico è l’appartenere, l’essere, l’agire nel gruppo.
Foulkes per delineare alcune dinamiche che avvengono in ognuno dei tre livelli di gruppo sopra
esposti, fa riferimento a Yalom, il quale afferma che, nonostante le differenze metodologiche,
tecniche e i diversi approcci; vi sono dei fattori terapeutici presenti in qualsiasi situazione gruppale.
All'interno del gruppo di attività e nello specifico dell'Arteterapia, si ritrovano cinque degli undici
fattori menzionati da Yalom.
· Istillazione di speranza. Nel gruppo crescono e si trasmettono fiducia e speranza (Yalom}.
Nell'Arteterapia durante la fase identificativa, il gruppo sostiene e trasmette, a chi dimostra
maggiori resistenze, questi sentimenti che, a loro volta, vengono accolti.
· Universalizzazione. Il paziente, in genere, arriva al gruppo convinto che le sue esperienze e i
suoi disturbi siano unici e ciò aumenta l’isolamento. La scoperta che i suoi vissuti possano
essere condivisi e accettati, costituisce un impulso terapeutico notevole (Yalom). Ho
riscontrato, in modo particolare questo fattore in un incontro in cui abbiamo lavorato sulla
dicotomia fragilità/durezza. Nella fase identificativa, è stato chiesto ai partecipanti di prendere
il foglio del compagno di sinistra e di evidenziare, con materiali e colori, il senso di fragilità e
di durezza che il compagno voleva rappresentare. Nel momento successivo, quando ognuno ha
verbalizzato come aveva sentito la rappresentazione del compagno e come aveva accolto e poi
riprodotto le sue emozioni, ho assistito, e non solo io, ad un forte scambio e circolazione delle
dinamiche emotive. La maggior parte dei partecipanti è stato soddisfatto di come il compagno
aveva accolto e rappresentato il proprio stato d‘animo.
Le frasi dette, sono state: "Bravo, hai capito benissimo quello che sentivo", oppure "Pensavo
di essere la sola a sentirmi cosi".
· Altruismo. Nella situazione gruppale si passa da un pessimismo narcisistico ad un aumento dell'
autostima imparando a dare e chiedere aiuto (Yalom). Nel corso dell' attività di arteterapia, ho
ritrovato questo fattore in quasi tutte le fasi del laboratorio in cui emergeva, da parte di alcuni
pazienti, un certo pessimismo narcisistico espresso con frasi come: “Come faccio ad aiutarti se
riesco mala pena a vedere qualcosa io!”, oppure "Ma non posso aiutarti, sono un pessimo
disegnatore", ancora "Sono duro di comprendonio, datemi una mano".
4
· Catarsi. Il gruppo aumenta la sua funzione abreativa, é un fattore più o meno focalizzato in base
al gruppo impiegato (Yalom). Nell’attività di arteterapia, nella fase della ricomposizione
verbale, vi è l’esplicitazione degli stati d'animo e delle sensazioni che nella fase identificativa
sono stati vissuti attraverso il corpo. In questo senso ritroviamo la prerogative delle arti come
linguaggio delle emozioni.
· Tendenza coesiva del gruppo. Secondo Yalom, questa é la precondizione perché altri fattori
funzionino efficacemente. L' autore afferma che la coesione del gruppo" é come la dignità,
ciascuno la riconosce ma, nessuno può descriverla o misurarla. Secondo me, nel laboratorio di
arteterapia, questo fattore é evidenziabile maggiormente nella fase di preparazione, in cui tutto
il gruppo partecipa all’allestimento dello “spazio di relazione" e, nella fase fusionale, quando
ognuno getta il colore sul grande foglio e da ciò si rappresenterà graficamente il gruppo in
“toto" con le sue dinamiche individuali e gruppali. In questa fase ogni membro acquista
consapevolezza del gruppo come “soggetto".
E' importante sottolineare che, la visione gruppoanalitica, non da rilievo ai singoli fattori che
agiscono nei gruppi ma, al processo terapeutico che fa emergere questi fattori. L'approccio
gruppoanalitico si interroga sulla natura, sul significato di un fattore terapeutico, sui meccanismi e
la dinamica impliciti in quanto manifestazione o configurazione delle vicissitudini tra individuo e
gruppalità. (I. Ondarza Liuares).
Conclusioni
"Nella situazione gruppale, la reazione speculare può nell’ hic et nunc, "localizzare" riattivandola,
una relazione diadica, triadica o più` complesse interrelazioni con parte e parti del Self in diverse
proiezioni spaziotemporali". (Ondarza, 1988)
Quando parliamo di Arteterapia, naturalmente non ci riferiamo ad una formazione gruppale
psicoterapeutica ma, ad un gruppo terapeutico di attività nel quale si sottolinea il ruolo, del concetto
gruppoanalitico, di "spazio re1azionale” in cui avvengono determinati processi: la possibilità di
conoscere modalità relazionali diverse da quelle caratterizzanti la rete del paziente; la possibilità di
esprimere nell' hic et nunc le emozioni, le sensazioni, le impressioni, i vissuti proiettati nell’attività
creativa e la condivisione degli stati d`animo che circolano nel gruppo.
Secondo me è importante sottolineare come l'attività di Arteterapia rappresenti in modo peculiare il
polo "protesico" del gruppo terapeutico nel quale il presupposto è “partecipare e condividere nel
gruppo" in cui si stimola un apprendimento interpersonale. Il polo trasformativo del gruppo
terapeutico è l’esperienza psicoterapeutica, in cui vi è un cambiamento non solo dei membri, ma del
gruppo in "toto", che è lo strumento che mette in funzione i fattori terapeutici.
(Yalom, 1974. Foulkes, 1978. Pines, 1982. Ondarza., 1984).
Vorrei concludere questo elaborato con una frase di J. Ondarza Linares, presidente italiano del
Centro Analisi Terapeutica di Gruppo, che condivido pienamente e che mi ha stimolato a
partecipare al progetto di Arteterapia con questo tipo di pazienti.
Negli psicotici cronici o stabilizzati il gruppo terapeutico aumenta la possibilità del progetto
riabilitativo. (James Ondarza Linares 1989, 1990, 1991, 1996).

Template by JoomlaShine