Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Indice articoli

La violenza nel sociale

Devalorizzazione simbolica come violenza nella comunicazione
(di Sandro Papale, S. Polimanti, V. Sciannamea, B. Baldelli, G. Narciso)

goia

Introduzione

la società postmoderna, spinta dalla dinamica del desiderio e del bisogno consumistico dell’oggetto, spinge verso la regressione del gruppo e della gruppalità ad una dimensione primitiva in cui la violenza si lega alla cultura contemporanea ed a tutti i suoi processi di massificazione. Il consumismo sposta il valore dei simboli sull’oggetto impoverendone il valore e la spinta trasformativa. La devalorizzazione del simbolo rende debole il legame sociale, con prevalenza di fragilità caratteriali che malamente sopportano e supportano i processi identificativi, creando relazioni e legami aggressivi e violenti spesso difficili da sciogliere. La violenza è una manifestazione della debolezza dei legami sociali, che comprendono legami parentali, famigliari e di appartenenza alle gruppalità, spostando la psicopatologia e la clinica dalla dinamiche edipiche alla patologia borderline e richiedendo una modifica degli interventi e della metodologia di approccio e cura. Si farà una riflessione clinica attraverso casi di dipendenza da sostanze e doppia diagnosi trattati in percorsi riabilitativi brevi in Casa di Cura.

Si illustrerà come i legami di violenza e dipendenza e la comunicazione ad essi legata siano spostati prevalentemente sulla matrice fondamentale nel polo dialettico tra la matrice fondamentale e matrice dinamica. Si cercherà, inoltre di illustrare come i processi identificativi, attraverso il conflitto individuo-gruppo, possono essere sviluppati e favoriti in un nuovo contesto di comunicazione nella polarità dinamica della matrice permettendo, così, lo scioglimento di quei sedimenti immaginari della matrice fondamentale che impediscono una piena articolazione dell’identità personale.

Template by JoomlaShine